Menu

Pisa. Stand up! Get up Stand up! for your rights!

Verso il 15 dicembre, manifestazione nazionale a Roma

Mercoledì 12 dicembre, ore 17

presso la Federazione USB Pisa, via Bovio, 48

Le disuguaglianze sociali che si soffrono in Italia, indipendentemente dalla provenienza geografica e dal colore della pelle, non si risolvono seminando odio o facendo guerra ai “diversi”.

Il 15 dicembre a Roma chiediamo ciò che ci stanno negando in termini di libertà e giustizia sociale in una grande manifestazione nazionale, contro qualsiasi forma di razzismo, sessismo e discriminazione.

Ne parliamo con:

Carolina Zorzella (Noi restiamo, approfondimento sul decreto Salvini)

Riad Zaghdane (Unione Sindacale di Base)

Durante l’iniziativa raccoglieremo adesioni per partecipare alla manifestazione. Per prenotazioni 0508667311 3497192436 pisa@usb.it

A conclusione dell’iniziativa buffet di finanziamento per il costo del pullman !!!

Promuove l’iniziativa l’Unione Sindacale di Base – Federazione di Pisa

Il decreto Salvini è diventato legge e centinaia di migliaia di migranti stanno per essere ricacciati nella clandestinità. Il processo in verità è già in corso dai primi di ottobre, da quando cioè le questure e le prefetture hanno cominciato a mettere in pratica i dispositivi del decreto, prima ancora che venisse definitivamente tramutato in legge dello Stato con l’avallo del presidente Mattarella. Gli effetti devastanti di questo provvedimento hanno già cominciato a manifestarsi e li possiamo rapidamente sintetizzare in: a) impossibilità di ottenere un permesso di soggiorno per ragioni umanitarie per migliaia di cittadini migranti; b) un enorme numero di espulsioni dal circuito dell’accoglienza per drastica riduzione dei fondi; c) conseguente aumento di una umanità senza diritti e sostanzialmente in trappola, senza poter uscire dal territorio nazionale e senza la possibilità di restarvi in uno status di regolarità; d) perdita di migliaia di posti di lavoro, le stime parlano di almeno 25mila licenziamenti o mancati rinnovi di contratti di lavoro temporanei, in tutto il settore dell’accoglienza. E poi ci sono gli articoli di legge dedicati all’azione repressiva, dall’allargamento dell’uso dei DASPO alla reintroduzione del reato di blocco stradale fino all’aggravio per il reato di occupazione.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.